Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca il tasto ‘Leggi informativa’.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina, acconsenti all’uso dei cookie.

Padre Aurelio Gazzera

Figaro qua, Figaro là
In questi giorni sono stato in grado di muovermi un po ', per visitare le comunità di due città della zona:
Bocaranga, 125 km a nord. Qui la Seleka ha fatto un attacco Martedì 21 Gennaio. Hanno sparato alle persone che erano rifugiate presso la Missione Cattolica, e dopo hanno rubato tutto quello che potevano ai Padri e alle Suore. Dopo la loro partenza, gli antibalaka hanno completato il lavoro saccheggiando negozi e bruciando le case dei musulmani ...
Bossemptélé, 87 chilometri a sud, presa dagli antibalaka che hanno ucciso molte persone, e saccheggiato totto quello che apparteneva ai musulmani e ai Peul.
Qui a Bozoum, rispetto al resto del paese, la situazione è migliore: gli antibalaka non entrano in città con le armi, e, a parte un paio di spari al giorno, è abbastanza tranquillo.
Lunedi mattina le scuole pubbliche hanno ripreso i corsi, e questa è una buona notizia.
Mercoledì abbiamo ricevuto una visita di alcuni funzionari delle Nazioni Unite, e cerchiamo di far muovere la gente per iniziare la ricostruzione. Con loro c'erano anche dei giornalisti. Qui l'articolo del giornalista Adrien Jaulmes del giornale "Le Figaro".

Bozoum, inviato speciale
Nei villaggi come nella piccola città di Bozoum, padre Aurelio è una celebrità. Agitano la mano al passaggio, e la sua auto è subito circondata quando si ferma. In tutta la regione, la sua silhouette è molto conosciuta. Magro come un chiodo, sembra dieci anni più giovane dei suoi 52 anni, una piccola croce di legno al collo, una camicia blu, pantaloncini e sandali rossi di laterite, la barba tagliata corta, il missionario italiano è accolto ovunque come l'uomo che dà speranza, incoraggia, rassicura.
Isolato in questa città più di 400 km a nord ovest di Bangui, armato solo di un telefono cellulare, un'energia rara ed un coraggio fisico e morale infallibile, Padre Aurelio ha condotto per mesi una lotta quasi impossibile.
Rifiutando l'inevitabilità della violenza, ha cercato di fermare il terribile ciclo di abusi e rappresaglie che ha avuto inizio in Centrafrica. O, come egli scrive, "per portare un po' di umanità e razionalità nella follia della guerra civile."
Padre Aurelio non è riuscito a prevenire ogni forma di violenza e distruzione. Ma a volte è riuscito a far ragionare, e qualche volta ha contribuito ad evitare il peggio. Da mesi ha lottato per mettere in guardia circa i pericoli crescenti. Poi, una volta che la macchina infernale si è messa in moto, è intervenuto per cercare di convincere entrambe le parti a deporre le armi, raccogliendo lui stesso machete e fucili, parlando con gli assassini, cercando di placare gli spiriti e mediando per evitare spargimenti di sangue.
Arrivato in Centrafrica nei primi anni '90, il padre Carmelitano Aurelio Gazzera dal 2003 è responsabile della parrocchia di Saint Michel di Bozoum. L'arrivo dei ribelli Seleka nella piccola città ha trasformato la sua missione apostolica.
Arrivati il 26 marzo 2013, una forma moderna e africana dei banditi del Medioevo, si comportano a Bozoum come nel resto del paese: predatori violenti che rubano, estorcono, rapinano, ricattano, torturano, uccidono. "Hanno fatto di tutto", ha detto padre Aurelio, che tenta sempre di mettere un freno ai loro abusi. "Sono andato a vedere regolarmente il loro capo, il colonnello Yahya Massar," ha detto. «Almeno con lui si poteva ragionare. Ma non aveva sempre molta autorità sui suoi uomini."
Il Padre stesso ha sofferto la brutalità delle milizie. "I Seleka avevano torturato un giovane uomo per dieci giorni. Lo hanno lasciato legato per così tanto tempo che aveva perso l'uso delle mani. Sono andato a vederli e ho detto loro che non avevano il diritto di torturare le persone. Mi hanno detto che erano soldati, e che facevano quello che volevano. Uno di loro si è arrabbiato e mi ha schiaffeggiato. Sono partito, ma sembravano comunque avere un po' paura della mia persona. In fondo in fondo sono dei vigliacchi che se la prendono con i più deboli. Se tenevi duro, riuscivi a farli piegare, almeno in parte. "
Sul suo blog, Padre Aurelio racconta questi abusi, e segnala le tensioni ed i problemi. Cerca di allertare l'opinione pubblica internazionale, i media ed i governi del dramma che comincia a divorare il Centrafrica.
"Abbiamo visto molto presto che la brutalità della Seleka avrebbe avuto conseguenze disastrose, e creava l'odio tra le comunità", ha detto Padre Aurelio. "Dal mese di agosto, le persone esasperate dalla violenza, i furti e le torture si sono organizzate in milizie anti-Balaka".
La fine del regime di terrore della Seleka con l'intervento di truppe francesi e degli stati confinanti inizia nel mese di dicembre. Anche a Bozoum come nel resto della RCA, è nuova ondata di uccisioni e distruzioni.
I ruoli si trovano improvvisamente invertiti. Gli Anti-Balaka, milizie contadine armate di machete e fucili artigianali, attaccano. I musulmani in città e pastori Peul, associati a torto o a ragione con i Seleka, e per questo odiati, diventano vittime della violenza.
Il culmine viene raggiunto il 10 gennaio durante le dimissioni forzate del presidente Djotodia, che rimuove la facciata del potere dell'ex Seleka a Bangui. Le bande della Seleka si scatenano, come se volessero a lasciarsi alle spalle solo rovine e distruzione.
Accanto ai loro alleati Peul e Musulmani, devastano i villaggi intorno alla città e terrorizzano la popolazione. "Hanno agito più stupidità e cattiveria che per uno scopo preciso," dice il padre Aurelio. Almeno 1.300 case sono state bruciate. Gli abitanti terrorizzati fuggono nella foresta o si rifugiano nella Parrocchia San Michele di Bozoum.
Il villaggio di Boyele, appena a nord della città, è stato completamente distrutto dall'incendio. Seduti sui gradini delle loro povere case annerite dal fuoco, i residenti stanno iniziando a raccogliere i piccoli oggetti che sono sfuggiti alla distruzione. Alcuni tentano di mettere una parvenza di tetto sui muri carbonizzati.

aurelio benedizione
La popolazione di Boyele deve la sua salvezza alla fuga. "La mattina del 10 gennaio, abbiamo sentito dei colpi di cannone," ha detto un abitante del villaggio ", così siamo scappati in foresta." "I Seleka e i Peul sono arrivati ed hanno appiccato il fuoco alle case. Abbiamo visto il fumo che saliva nel cielo. Quando siamo tornati nel pomeriggio, tutto era distrutto. Abbiamo perso tutto: sementi, raccolto, mobili, case. "
Per ritorsione, gli Anti-Balaka attaccano i musulmani isolati e tendono delle imboscate sulle strade. I musulmani si rifugiano a Bozoum ancora in mano all'ex Seleka, che però sono ormai circondati. "La situazione era molto, molto complicata", ha detto padre Aurelio. "Avevamo 3500 rifugiati in Parrocchia, circa 1.500 Peul rifugiati vicino alla moschea, e cinquanta Seleka armati bloccati in città, sempre potenzialmente pericolosi."
Il prete cerca di mediare. "Quando dal Ciad mi hanno chiamato per chiedermi di organizzare l'evacuazione dei civili musulmani, ho risposto che avrei accettato a condizione ceh partissero con tutta la Seleka. Ho passato due giorni per convincerli a partire. Fino all'ultimo minuto, hanno cercato di rimanere. Ho finito per minacciare la Misca (i militari della forza multinazionale dei paesi dell'Africa Centrale) di andare a mettere la mia auto sul ponte sul fiume Ouham per sbarrare loro la strada, e ho detto che per passare avrebbero dovuto spararmi ". Il ponte costruito nel 1943 dai prigionieri italiani al momento dell'Africa equatoriale francese è l'unico punto di attraversamento del fiume verso nord, verso il confine con il Ciad, e unica via di fuga per i musulmani e la Seleka.
La Seleka finalmente ha accettato di lasciare la città. Ma Padre Aurelio diventa immediatamente il bersaglio della comunità musulmana, molto arrabbiata per la partenza della Seleka, che rappresentava per loro la protezione. "é stato un momento di alta tensione!" ha detto. "Un sacco di musulmani hanno circondato la mia auto e iniziato a tirare pietre", ha detto con disinvoltura. Il parabrezza della sua Toyota è un mosaico di frammenti. "Sorprendentemente sono stato protetto da un musulmano e un Seleka (chiamato 10/15), che era uno dei più duri."
Alla Missione San Michele tutti credono che il padre è stato ucciso. "Quando sono tornato, è stata un'esplosione di gioia. La gente ha creduto che fosse un miracolo. Hanno messo stoffe sulla strada per salutarmi, era come la Domenica delle Palme "
Appena finito il pericolo della Seleka, p.Aurelio affronta la vendetta di parte della popolazione, come impazzita dopo mesi di terrore. Le vittime divenano spesso ottimi carnefici, ed è ora la volta dei musulmani di pagare per gli abusi della Seleka. "Gli Anti-Balaka sono diventati il problema", ha detto Padre Aurelio. "Molti sono delinquenti senza gerarchie, senza capi, che sono lì per rompere, uccidere e rubare. Alcuni prendono in ostaggio dei bambini Peul per estorcere riscatti, distruggono le loro proprietà e disperdono le loro mandrie. "
"é difficile convincere le persone a distinguere tra Seleka, musulmani e Peul", ha detto il padre Aurelio. "I musulmani non sono riusciti a staccarsi nettamente dalla Seleka, e ne pagano il prezzo."
Senza scusare nessuno, il padre non ha dubbi sulle cause della violenza.
"I Peul, per esempio, sono vittime dei propri errori. Non sono stati capaci di vedere un po' più lontano. Si sono alleati con la Seleka senza pensare alle conseguenze. Ho cercato di avvertirli che un giorno si sarebbero trovati in una posizione insostenibile. Non potendo più stare nei villaggi, avrebbero dovuto venire in città con le mandrie.... Ma non ascoltarono. ".
Sotto la protezione della MISCA, presente con una piccola sezione del Camerun, 2500 musulmani sono ridotti a vivere in una zona ristretta di Bozoum. Seduti sui loro bagagli e le poche cose che hanno potuto prendere dalle case saccheggiate, questi rifugiati sono in attesa di lasciare il paese. "Il Centrafrica è finito per noi", ha detto Djodo Mahamatom delegato dei commercianti di Bozoum, e collettore di oro e diamanti. "Non possiamo rimanere in questo paese." Intere famiglie di Peul, pastori semi-nomadi con la pelle chiara cucinano i pasti su piccoli focolai. Le donne indossano abiti colorati, i capelli intrecciati, gioielli in argento e alcune dispongono di splendidi tatuaggi sul viso e sulle braccia.
Padre Aurelio porta ogni giorno per i rifugiati sacchi di riso che lui stesso ha comprato.
"Il Padre cattivo è venuto a portare cose buone!" gli ha detto il capo del quartiere, Saleh Ibrahim. "Scherza", dice Aurelio ", è così che mi hanno chiamato quando volevano uccidermi. Tra queste persone sono coloro che mi hanno lapidato l'altro giorno, "disse, salutando come se niente fosse i musulmani seduti sui loro fagotti.
"Il nostro unico aiuto è il signor Aurelio", ha detto Saleh Ibrahim. "Abbiamo perso tutto, i nostri negozi sono stati saccheggiati, hanno rubato il nostro bestiame. Non si può uscire da questa strada. Basta andare pochi metri dopo i soldati camerunesi, e gli Anti-Balaka ci uccidono o portano via i nostri figli. "
"Vogliamo lasciare questo paese, ma non abbiamo nemmeno i camions per farlo", ha detto il vecchio capo, che ha vissuto 45 anni a Bozoum. "Sono vecchio, ma i giovani devono trovare un posto sicuro per la loro vita."
Saleh Ibrahim è una di quelle tante vittime musulmani AUTO più che complici di Seleka. "E 'l'arrivo di Seleka che ha strappato Bozoum," ha detto. "Prima di loro, non c'era violenza tra noi ei cristiani. Ci hanno fatto male. "
Per il Padre Aurelio, questa guerra civile non ha nulla di religioso. "Penso che dovremmo evitare di usare il termine: non ci sono milizie cristiane e milizie musulmane. Questo è principalmente un problema politico, etnico e culturale. Non credo la Seleka abbioa mai avuto un progetto di islamizzazione. Erano musulmani e di lingua araba, e hanno fatto affidamento sulla comunità musulmana, i commercianti e gli allevatori Peul. Ma ora il danno è fatto, e sarà difficile tornare indietro. "

aurelio militari banner